SCEGLI IL TIPO DI Ticket (posti da assegnare: Tel. 3290069218)



Gratis per i bambini da 0 a 6 anni (7 anni non compiuti).

OPPURE

BONIFICO BANCARIO di € 20,00 per il Ticket INTERO o di € 17,00 per il RIDOTTO (anche per Ticket Multipli):

Intestazione – ASSOCIAZIONE MERIDIES

IBAN – IT53X0312716901000000000172

Bic – BAECIT2B

Banca – Unipol BANCA Filiale 208

Indirizzo Banca – Viale Mario Rapisardi – Catania

Causale – ANGELI + numero di Ticket acquistati + Nominativo/i

La Lingua degli Angeli”

Sogno Teatrale su Vincenzo Bellini

Il 23 settembre del 1835, poco prima delle cinque del pomeriggio, si abbatte un inaspettato e violento temporale sulla villa di proprietà dei coniugi Levys, a Puteaux.

Quel giorno c’è una sola persona ancora ospite nella dimora.

Il trentatreenne Vincenzo Bellini. E sta morendo.

Unica compagnia, che è possibile intravedere attraverso la sua finestra, è il giardiniere della villa che ha avuto la consegna di non far entrare nessuno.

I padroni di casa che hanno interdetto le visite al musicista per tutto l’ultimo periodo della malattia (gelosia del marito della signora Levys? Paura del colera?) sono spariti.

I sospetti su un omicidio intenzionale, all’indomani della sua morte, sono molti.

La scena si apre, idealmente, dopo quest’antefatto.

Siamo nella stanza dov’è morto il Cigno. Il cadavere è stato portato via da poco.

Entra una donna. È venuta da sola. Di nascosto. Si scoprirà che è Maria Malibran, la celebre soprano che tanta parte ebbe negli ultimi anni di Bellini.

È venuta sola, ma non è l’unica presenza nella stanza.

Con lei un personaggio enigmatico, lo Sconosciuto, che sembra sapere molto della sua vita e di quella di Bellini. È lì per indagare sulla morte dell’artista, le cui creazioni melodiche reinventarono l’opera lirica, riscoprendo il canto e iniettando le scene di passioni umane.

Ma è davvero un semplice ispettore di polizia come sembra?

Attraverso un dialogo serrato e incalzante, Maria Malibran e lo Sconosciuto si confronteranno e affronteranno sull’uomo e sul genio, facendone emergere un ritratto pieno di contraddizioni, ma di struggente vitalismo.

E alla fine di una lunga partita dialettica e musicale, che la donna e l’uomo condurranno come consumati giocatori di scacchi, si giungerà a una sconvolgente verità…

con laura tornambene e Giovanni Arezzo

Regia di laura tornambene

 

Per visitare via web il trailer: https://www.youtube.com/watch?v=-lrLnwrgudY.

Link di due delle recensioni critiche sugli spettacoli “Leonardo, profilo di un genio”: http://www.nuoveedizionibohemien.it/?p=3294; http://www.quotidianodiragusa.it/2015/04/30/attualita/ragusa-successo-dello-spettacolo-leonardo-da-vinci-al-donnafugata/15502.